Tel. e Fax  +39 0827 63722 - Mob. 347 7740206

Slow Wine 2017: il meglio della Campania

I produttori campani potrebbero vivere solo di mercato locale, visto che i due milioni di ettolitri bastano appena a coprire la metà del consumo interno di quella che oltre a essere la seconda regione più popolosa d’Italia conta un alto numero di turisti. La realtà è un po’ più complessa, evidentemente.

La spinta all’estero, infatti, si rende necessaria per diversi motivi; ma i produttori campani, nel complesso, appaiono ancora abbastanza disorganizzati, anche se alcuni passi in avanti sono stati fatti.

Dopo il Sannio, locomotiva regionale con il 65 per cento del prodotto totale, anche il Vesuvio e il Salernitano hanno ottenuto il riconoscimento ufficiale di un Consorzio, mentre alle porte bussa quello dei Campi Flegrei. Si tratta di un primo passo, certo non l’unico, assolutamente necessario per poter promuovere le piccole realtà del territorio sul mercato internazionale, e questo sta avvenendo appunto con i vini della provincia di Benevento.

 

Proprio l’assenza di una realtà associativa organizzata ed efficace pesa sui risultati commerciali dell’Irpinia. Un vero peccato, perché anche quest’anno gli assaggi hanno confermato l’alta qualità raggiunta da quelli che noi definiamo con simpatia e ammirazione i “solisti” del Fiano di Avellino, con punte di eccellenza anche nelle altre due Docg dell’Avellinese, Greco di Tufo e Taurasi.

 

Quest’ultimo registra purtroppo le maggiori difficoltà di posizionamento, a differenza dell’Aglianico del Taburno, i cui dati di produzione e vendita segnano una buona crescita, nonostante sconti una diversità di stile ancora abbastanza marcata tra i diversi produttori. Il quadro dunque conferma quanto detto nelle precedenti edizioni: sugli scudi il tridente bianco, che gioca su uno stile ormai molto preciso e riconoscibile: freschezza, sapidità e longevità. Caratteristiche che riguardano anche il Vesuvio, la Costiera Amalfitana, il Cilento e i Campi Flegrei. Falanghina, fiano e greco sono infatti affiancati da un numero cospicuo di vitigni a bacca bianca sempre più interessanti (biancolella, forastera, coda di volpe, ginestra, fenile, pepella, asprinio, pallagrello bianco, coda di pecora).

 

In grande spolvero, infine, il Piedirosso dei Campi Flegrei e del Vesuvio, che trova nel suo passato di vino fresco e beverino le ragioni della sua assoluta modernità, una volta eliminati gli antichi difetti di vinificazione. Insomma una regione sostanzialmente tonica, che esprime risultati ancora al di sotto delle sue potenzialità solo perché pochi fanno attenzione al valore-tempo (uscire con uno o due anni di ritardo), pochissimi al concetto di cru.

 

VINO SLOW    
Campi Flegrei Piedirosso 2013 Contrada Salandra
Fiano di Avellino 2014 Ciro Picariello
Fiano di Avellino 2014 Rocca del Principe
Fiano di Avellino 2015 Colli di Lapio
Fiano di Avellino 2015 Filadoro
Fiano di Avellino Serrapiano 2014 Torricino
Fiano diAvellino 2013 Guido Marsella
Kratos 2015 Maffini
Taurasi 2012 Antico Castello
Taurasi Coste 2011 Contrade di Taurasi
Taurasi Macchia dei Goti 2012 Antonio Caggiano
Taurasi Poliphemo 2012 Luigi Tecce
Taurasi Sant’Eustachio 2011 Boccella
Tresinus 2015 San Giovanni
 

 

GRANDE VINO

   
Fiano di Avellino   Ventidue 2014 Villa Raiano
Greco di Tufo 2015 Pietracupa
Greco di Tufo Vigna Breccia 2015 Montesole
Taurasi Vigna Cinque Querce 2010 Salvatore Molettieri
 

 

VINO QUOTIDIANO

   
Campi Flegrei Falanghina Colle Imperatrice 2015 Cantine Astroni
Costa d’Amalfi Tramonti Bianco 2015 Giuseppe Apicella
Costa d’Amalfi Tramonti Bianco 2015 Tenuta San Francesco
Falanghina del Sannio Fois 2015 Cautiero
Falanghina del Sannio Guardia Sanframondi 2015 Corte Normanna
Falanghina del Sannio Taburno 2015 Fontanavecchia
Falanghina del Sannio Taburno 2015 La Fortezza
Mille 2015 I Cacciagalli
Sannio Sant’Agata dei Goti Greco 2015 Mustilli

.

Copyright ©2017 - Salvatore Molettieri. Tutti i diritti riservati. E’ vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti.

Questo sito utilizza i cookie: cliccando su OK o proseguendo nella navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.